Un punk e una suora siedono accanto in autobus. Il punk molesta...

Un punk e una suora siedono accanto in autobus. Il punk molesta continuamente la suora con avances e proposte di vario genere, e la poverina infastidita prima fa finta di niente, poi cambia posto, ma e' tutto inutile. Alla fine chiede al conducente di intervenire. Il conducente fa una bella cazziata al punk, poi, appena la suora scende alla sua fermata, dice al punk nell'orecchio: "Pero' hai ragione, seppure suora e' una bella gnocca... ti voglio dare una dritta: ogni sera verso mezzanotte lei prende il mio autobus e si fa portare al cimitero. Una volta le ho chiesto perche', e lei dice che li' aspetta lo Spirito Santo. Prova ad andare al cimitero di notte pure tu, e forse...". Quella notte, il punk si apposta dietro una lapide. Appena vede la suora che si inginocchia pregando, esce, avvolto in un candido lenzuolo, e fa: "Sorella, sono lo Spirito Santo, pronto a congiungermi con te!!!". E la suora: "Oh, che disdetta, ti aspetto da anni, e arrivi proprio nel periodo sbagliato del mese. Ti tocchera' prendermi da dietro...". Detto, fatto. Alla fine della copula, il punk si rivela: "Sorella, guardami bene, mi riconosci? Sono il punk di stamattina! hahahaha!". E la suora: "Coglione, guardamio bene... Mi riconosci? Sono il conducente dell'autobus, sciocchino!!"



Preoccupato perché le sue galline fanno sempre meno uova, un...

Preoccupato perché le sue galline fanno sempre meno uova, un contadino finisce per dare la colpa al vecchio gallo che evidentemente non fa più il suo dovere. Si procura un bel galletto e lo mette nel pollaio. Il vecchio gallo si avvicina al nuovo re del pollaio e gli fa: "Forse puoi farmi un piccolo favore. Tanto per salvare la cresta, facciamo una gara di corsa e chi vince si piglia il pollaio. Così non avrò l'aria di essere stato spodestato per scarso gallismo. Vedendolo tanto malmesso, il galletto acconsente, e, anzi, per mostrare la sua generosità, concede al rivale un po' di vantaggio. La gara ha inizio e, ben presto, il giovane gallo comincia a ridurre il distacco. La rimonta è costante e, già a metà gara, il galletto ha quasi raggiunto il vecchio gallo quand'ecco che uno sparo mette fine alla competizione. Colpito da una raffica di pallini, il giovane gallo stramazza al suolo, morto. "Porco mondo! - esclama il contadino - È il terzo gallo frocio che mi capita in un mese!".


Cena di compleanno del presidente della Repubblica, Carlo Azeglio...

Cena di compleanno del presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi.
Presenti tutte le personalità di spicco del mondo della politica e del jet set.
I commensali si siedono al tavolo tutti esterrefatti dal lusso e dalla ricchezza della tavola imbandita.
La moglie di Fini dice a suo marito:
- Gianfranco... guarda, guarda che lusso a tavola, e guarda le stoviglie, guarda le posate! I coltelli, guarda i coltelli: sono in oro zecchino, con brillanti e smeraldi incastonati! Mi dispiace Gianfranco, non ci sono storie, ne voglio uno in ricordo da portare a casa!
- Ma per favore cara...
- Non voglio sentire stronzate! Prendimi subito un coltello!
- Va bene cara, ma non ti arrabbiare, ok?!?
Al che, Il Vice Presidente del Consiglio, molto cautamente, prende il coltello e lo fa sparire nel taschino della giacca...
Proprio di fronte alla coppia Fini, siedono Veronica Lario e Silvio Berlusconi che hanno visto tutta la scena.
Veronica, invidiosa, dice a suo marito:
- Dai Silvio, prendine uno anche a me!
- Per Dio Veronica, come posso fare una cosa del genere?!?
- Non si discute: se quella vacca della Fini ce l'ha, allora lo voglio avere anch'io!
- Se insisti tanto...
Cosicché, con la stessa cautela di Fini, il Cavaliere si prepara all'insano gesto... allunga la mano che però, data l'emozione, lo tradisce e per sfiga il coltello batte varie volte su un bicchiere... TLIN, TLIN, TLIN, TLIN, TLIN...
Nell'immensa sala tutti tacciono.
Con il suo solito sorrisino, senza saper bene cosa fare, il Berlusca si alza in piedi e dice:
- Brindiamo tutti al Nostro Presidente, garante delle istituzioni, al Presidente degli Italiani! Cento di questi giorni! Auguri PRESIDENTE!!
Tutti brindano e Berlusconi tira un gran sospiro.
- Silvio, sei proprio un pirla. Comunque sappi che io da qui non me ne vado senza quel coltello, per cui datti da fare!
- Dai Veronica, ho già combinato un mezzo pasticcio, lasciamo stare, ok?!?
- Lasciamo stare un par de palle caro il mio Cavaliere: la Fini ce l'ha?!? Bene, LO VOGLIO ANCH'IO!
- Ma quanto sei cocciuta... però in effetti il coltello è proprio bello...
Quindi Silvio si prepara per effettuare il furto, ma la scena si ripete: la tensione del momento lo frega ancora, e la sua mano fa sbattere ripetutamente il coltello sui bicchieri...
Silenzio tombale nel salone dei ricevimenti Silvio non può che alzarsi in piedi ed esclamare:
- Un brindisi anche per la Signora Franca, per la sua ospitalità e la sua gentilezza!
Tutti brindano ed il Cavaliere tira il secondo sospiro di sollievo.
- Sei proprio un uomo inutile! Non sei nemmeno capace di fregare uno stupido coltello per me!
- Cara, è che...
- Cara un *****! Voglio quel coltello e lo voglio adesso!!!
- Ma non posso, hai visto che l'emozione mi gioca brutti scherzi, non sono abituato a certi piccoli furti...
- Non puoi?!? Puoi eccome... e ti conviene farlo subito, altrimenti mi alzo e ti sputtano qui, davanti a tutti!
- Dai Tesoro, non fare così...
- Tesoro ci chiami Emilio Fede! Prendi quel coltello per me ORA altrimenti fra 5 minuti sei un uomo finito!
Così Silvio, vista la furia della moglie, per l'ennesima volta fa scattare l'operazione coltello... TLIN, TLIN, TLIN, TLIN, TLIN...
Silenzio totale. Sudori freddi pervadono il Presidente del Consiglio. Si alza in piedi, e vedendo la faccia infuriata della moglie dice:
- Permettetemi di fare un gioco di prestigio. Vedete questo coltello che ho in mano?!? Lo farò sparire... lo infilo
nella tasca della mia giacca e... sim-sala-bim... Gianfranco, controlla la tua tasca per favore!!!


"Non mi parli più gentilmente come una volta." - dice la signora...

"Non mi parli più gentilmente come una volta." - dice la signora Rosina - "Sarà forse perché non mi ami più come allora..."
"Rieccoti con questa storia." - sbotta il marito - "Non ti amo più dici? Ma se ti amo più della mia stessa vita, dolcezza mia! Non potrei vivere senza di te ... Ti adoro, lo capisci? Ti adoro!!! E adesso levati dai coglioni e lasciami vedere la partita!"


Due amici si incontrano e cominciano una conversazione: - Antonio,...

Due amici si incontrano e cominciano una conversazione: - Antonio, sai cosa significa "metempsicosi"?
- Mai sentita. Cos'e'? - Te lo spiego con un esempio, cosi' capisci meglio: facciamo finta che tu
muoia, ti seppelliscono, il tuo corpo imputridisce e feconda la terra, nasce l'erbetta, passa una
mucca che la mangia, va un poco piu' avanti e fa un bisognino... Io passo da li' lo vedo e
dico: "Ciao Antonio! Come ti sei ridotto!". Antonio ci resta un po' male ma no lo da' a vedere e
dice: - Uhm, interessante. Vediamo se ho capito bene, Giorgio. Ora te la ripeto: facciamo finta,
Giorgio, che tu muoia, ti seppelliscono, il tuo corpo imputridisce e feconda la terra,
nasce l'erbetta, passa una mucca che la mangia e che, più avanti, fa il bisognino.
Passo io lo vedo e dico: "Giorgio! Sei rimasto tale e quale!".


Figlia, madre e nonna sono da sole...



Figlia, madre e nonna sono da sole in casa. A un certo punto la bambina chiede:
- mamma, come sono venuta da te?

la mamma risponde:
- o tesoro! ti ha portato una magnifica cicogna!
- e la mia sorellina? - chiede ancora la bimba
- lei invece l'ha portata una meravigliosa civetta!
- e il mio fratellino?
- lo ha portato uno stupendo barbagianni!

La nonna dalla poltrona fissa ridacchiando la madre:
- immaginavo che erano 3 diversi uccelli!



Un gruppo di uomini e' nello spogliatoio di un club di golf. Un...

Un gruppo di uomini e' nello spogliatoio di un club di golf.
Un cellulare su una panca squilla e uno dei membri del club risponde attivando il vivavoce.
Tutti gli altri si fermano ad ascoltare.
LUI: 'Pronto?'
LEI: 'Tesoro, sono io. Sei al club?'
LUI: 'Si'.'
LEI: ' Sono al centro commerciale e ho trovato una giacca di pelle carinissima a soli 1000?. Sei d'accordo se la prendo?'
LUI: 'Certo, comprala se proprio ti piace tanto.'
LEI: 'Sono passata prima all'autosalone della Mercedes e il gestore mi ha mostrato la collezione del 2008.C'e' un modello che mi piace veramente...'
LUI: 'Quanto?'
LEI: '90.000 ?'.
LUI: 'OK, ma per quel prezzo voglio anche tutti gli optionals.'
LEI: 'Fantastico! Ah, e ancora una cosa.....la casa che volevo l'anno scorso e' di nuovo in vendita. Chiedono 950.000 ?'.
LUI: 'Va bene, fagli un'offerta di 900.000. Probabilmente accetteranno. Altrimenti gli daremo gli altri 50.000,per quel prezzo mi pare un bell'affare.'
LEI: 'OK. Ci vediamo piu' tardi! Ti amo da impazzire!!'
LUI: 'Ciao, anch'io ti amo tanto.'

L'uomo riattacca.
Gli altri lo fissano increduli, senza parole.....a questo punto lui sorride e chiede:

'Qualcuno sa di chi CAZZO e' questo cellulare?'


Regole fondamentali di un film di azione (Gino Favero).Come realizzare...

Regole fondamentali di un film di azione (Gino Favero).Come realizzare un grande successo di pubblico.1. Deve esserci uno scontro finale. Certo, può capitare che, nel corso degli eventi, il "buono" si trovi nella tana del "cattivo" perfettamente camuffato da braccio destro del medesimo, e perfino che il buono si trovi in una stanza da solo con il cattivo stesso. In quell'occasione il buono NON gli sparerà un proiettile in mezzo agli occhi o una cannonata nelle palle, ma si limiterà a sostenere perfettamente il ruolo di "cattivo" a sua volta, rimandando l'uccisione del cattivo allo scontro finale. Non è essenziale che esista una ragione plausibile per questa condotta del "buono". (Citazione: "Tu proprio non capisci, Scotty, vero? Non ci arrivi..." -- Austin Powers)2. Lo scontro finale non avverrà con armi da fuoco o armi convenzionali o armi nucleari (come avverrebbe, del resto, nel mondo reale tra persone dotate di una sia pur limitata intelligenza) ma esclusivamente a mani nude. Sono consentite, per gli sceneggiatori più fantasiosi, eventuali mosse di savate o di karate, purché autenticamente spettacolari. (Citazione: "vedo che il tuo schwartz è lungo quanto il mio.." -- Balle Spaziali)3. Il buono è palesemente destinato a vincere lo scontro finale, ma all'inizio del medesimo, il buono deve prenderle. Anzi, il film ne guadagnerà se il buono sembrerà anche un po' imbranato all'inizio dello scontro finale. Il buono deve aver perso almeno mezzo litro di sangue prima di sferrare il primo pugno, e riportare almeno una dozzina di cicatrici permanenti prima di pensare seriamente di passare alla controffensiva.4. In ogni caso la controffensiva non sarà mai immotivata. Per scatenare la controffensiva del buono, il cattivo compirà qualche gesto inconsulto e indice della sua sconfinata malvagita', tipo:- pestare un callo del buono;- insultare pesantemente la squadra di baseball di cui il buono e' tifoso da decenni;- sollevare dubbi sulla moralità della fidanzatina dell'asilo del buono; o simili.5. Dopo tale innesco, la forza d'impatto del buono deve essere incontenibile. Il buono si scatenerà in una serie di colpi portati con maestria e efficacia, alla fine del quale sferrerà il colpo decisivo, che il cattivo deve stare a guardare siccome intontito (con mirabile giuoco di scambio di parti rispetto ai ruoli iniziali, quindi). Sferrato il colpo decisivo, il cattivo cadrà a terra siccome pera bollita, meglio se con mezza torsione del busto.6. Il cattivo non deve essere stato ucciso dal colpo decisivo (quand'anche il colpo in questione sia consistito nello sgarrupamento del corpo motore di un TIR sulle gengive). In ogni caso, dal momento il cui il cattivo tocca terra, il buono se ne disinteresserà. Il buono non verificherà lo stato di salute del cattivo e non gli assesterà un paio di calci nei marroni giusto perché non si può mai sapere. Soprattutto (importante!) il buono non frugherà le tasche del cattivo, lasciandogli addosso almeno:- sei pistole automatiche e alcuni revolver;- due UZI (o kalashnikov se il cattivo, da buon cattivo, è anche comunista; in questo caso i caricatori dei kalashnikov si troveranno nella tasca dell'impermeabile insieme con i panini al prosciutto di treenne georgiano);- una mezza dozzina di bombe a mano;- una "gätling" del primo dopoguerra;- una piccola bomba H da viaggio (mai più senza! Sta nella borsetta, nella sua discreta custodia in similpelle);- un lanciafiamme a Napalm e eventuale altro materiale a discrezione dello sceneggiatore.7. Ovviamente, il cattivo si rialzerà. A quel punto, però, il cattivo non approfitterà del piccolo arsenale contenuto nelle sue scarselle per sterminare sul posto il buono, tutta la sua parentela e anche alcuni quartieri di New York che tutto sommato gli stavano sulle balle. Nonnò: sarebbe estremamente sconveniente e poco sportivo. Il cattivo, invece, inquadrando il buono nel mirino di una delle armi a sua disposizione, dirà una frase ad effetto e di profondo odio e derisione, tipo:- "Avresti dovuto uccidermi, bastardo!"- "Avresti dovuto controllare di avermi ucciso, stronzo!"- "Non mi hai ucciso... ma sarà l'ultimo errore della tua vita del cazzo, coglione!"8. Solo ora, allertato dall'opportuna frase del cattivo, il buono gli può piantare una palla di cannone tra due palpebre a sua scelta. Non basta. Infatti l'amico Nicola mi ha fatto giustamente notare che mancano alcuni irrinunciabili punti fondamentali:1. Il buono all'inizio del film non vuole saperne di casini e violenza in quanto si è ritirato a vita monastica, giardinaggio, o è in comunità di recupero da qualsiasi tipo di dipendenza (tipo dallo yogurt di cui era ghiotto).2. Il buono ha sempre un amico del cuore (che non vede da anni e di cui a malapena ricorda il numero di telefono o il cognome... a piacere dello sceneggiatore). Solo quando costui sarà nei guai il buono entrerà in azione.3. L'amico del buono deve morire entro i primi 30 minuti del film... o almeno sua moglie o uno dei figli. Piccoli tentativi sono stati fatti per far morire il criceto o il pesce rosso, ma l'unico risultato è stata una denuncia del WWF.4. Il cattivo ha sempre una buonissima ragione per essere cattivo... mentre il buono non ha nessuna scusa per essere un eroe e pure rincoglionito per 3/4 del film....5. Armi: si tratta di modelli esclusivi e non in commercio. Farebbero la gioia di militari, gangsters e mafiosi di tutto il mondo: non si scaricano mai!!! O almeno se non richiesto dal copione per causare, tipo, scene madri di cui al punto 2 di prima. Se accidentalmente si scaricano (e comunque mai dopo 6 colpi per i revolver o 14 per le pistole automatiche) caricatori pieni si materializzano in ogni tasca o cassetto nelle immediate vicinanze.


Un bambino siciliano, al dodicesimo compleanno riceve in regalo...

Un bambino siciliano, al dodicesimo compleanno riceve in regalo dal padre una lupara. Il giorno dopo, a scuola, il bambino fa vedere ai suoi compagni il suo nuovo regalo. Calogero gli propone uno scambio con il suo orologio con calcolatrice incorporata. Il bambino accetta felice perché della lupara non sapeva proprio che farsene. Tornando a casa, il padre vede arrivare il bambino senza fucile e gli dice: "Figghiu mio, dove hai messo la lupara ?". "Con questo orologio la scambiai !". E il padre: "Che figlio stupido che tengo, e adesso ?...quando ti dicono stronzo che fai, gli dici che sono le quattro e mezzo ?"


Rispondi con sincerita' e potrai valutare la tua caratura morale....

Rispondi con sincerita' e potrai valutare la tua caratura morale. Si tratta di una situazione immaginaria, pero' devi decidere cosa faresti: Sei in Valtellina nel bel mezzo del caos dovuto a una inondazione per le incredibili piogge. Sei un fotoreporter che lavora per la CNN e sei nel bel mezzo del disastro, disperato, scattando le foto piu' impressionanti. Intorno a te il fango distrugge case, fa sparire persone, con una violenza inaudita e terrificante. Improvvisamente vedi Berlusconi che sta guidando una jeep, lottando disperatamente per non essere spazzato via dalla corrente di fango, acqua e pietre. Ormai ti rendi conto che la furia del fiume sta per portarselo via e tu hai l'opportunita': a) di salvarlo, b) di scattare una foto da premio Pulitzer che mostrera' al mondo la morte di uno degli uomini piu' importanti d'Italia. Adesso la domanda: ...la sviluppi in bianco e nero o a colori?


San Francesco, amico degli animali, va a farsi una passeggiata;...

San Francesco, amico degli animali, va a farsi una passeggiata; incontrata una formica, la prende nella mano sinistra e la accarezza con la destra, dicendole: "Formichina, formichina, che bella che sei, ce l'hai la mamma?". La formica, oltre a scuotere la testa, dice "No!". Accarezzandola: "Formichina, formichina, come sei simpatica, ce l'hai un papa'?". "No!". Accarezzandola: "Peccato, formichina, ma ce l'hai un fratellino?". "No!". Accarezzandola: "Mi dispiace, formichina, ma ce l'hai una sorellina?". "No!". Accarezzandola: "Che peccato, formichina, ma qualche amicizia ce l'hai?". "No!". "Eccheccazzo campi affa'" e la schiaccia fra le mani.


LEI: "Se io morissi all'improvviso, ti risposeresti?". LUI: "Certo...

LEI: "Se io morissi all'improvviso, ti risposeresti?". LUI: "Certo che no...". LEI: "No? Perche' no? Non sei contento di essere sposato?". LUI: "Beh, si'... che c'entra...!?". LEI: "C'entra, perche' non ti risposeresti se apprezzi il matrimonio?". LUI: "Vabbe', ok, mi risposerei, se ti puo fare piacere...". LEI (con aria triste): "Ah, ti risposeresti...". LUI: "Beh, si'! Non parlavamo di questo?". LEI: "E tu dormiresti con lei nel nostro letto?". LUI: "E dove vuoi che la faccia dormire?". LEI: "E rimpiazzeresti le mie foto con le sue?". LUI: "Penso di si'... certo...". LEI: "E le lasceresti guidare la mia macchina?!". LUI: "Beh, no, non ha la patente". LEI: - silenzio - LUI: "Cazzo!!!".


Questionario FAO diffuso ai membri delle Nazioni Unite. Nel questionario...

Questionario FAO diffuso ai membri delle Nazioni Unite. Nel questionario è presente la seguente domanda: "Esprimete onestamente la vostra opinione sulla scarsità di alimenti nel resto del mondo". Gli europei non avevano idea di cosa fosse la "scarsità". Gli africani non conoscevano gli "alimenti". Gli americani non sapevano cosa volesse dire "resto del mondo". I cinesi chiesero maggiori delucidazioni sulla parola "opinione". Il governo Berlusconi sta ancora discutendo sul significato di "onestamente".


Un uomo di novant'anni e' seduto su una panchina del parco e...

Un uomo di novant'anni e' seduto su una panchina del parco e piange a dirotto. Gli si avvicina un giovane che gli offre il suo appoggio. Tra le lacrime il vecchio gli racconta la sua storia. "Sono innamorato di una donna di 25 anni". "Cosa c'e' di male?". Singhiozzando: "Tu non capisci. Ogni mattina, prima che lei vada al lavoro, facciamo l'amore. A mezzogiorno lei torna a casa, facciamo di nuovo sesso, poi mi cucina il pranzo. Al pomeriggio, lei fa un break al lavoro, corre a casa, mi fa un bocchino, il migliore che un uomo possa desiderare...". Il vecchio non ce la fa piu' e comincia a piangere sempre piu' disperato. "Io non capisco", fa il giovane, "mi sembra che abbiate una relazione magnifica. Allora perche' piange?". Tra le lacrime il vecchio: "Ho dimenticato dove abito".


In banca un tizio sporco e straccione dice alla signorina allo...

In banca un tizio sporco e straccione dice alla signorina allo sportello: "Voglio aprire un cazzo di conto corrente in questa merda di banca!". La cassiera: "Prego? Credo di non aver capito". "Ehi stronza, non mi rompere i coglioni. Voglio aprire un conto in questo istituto del cazzo". La signorina, turbata ma gentile, risponde: "Attenda prego, le chiamo il direttore". E questo rivolto al tizio: "Beh, mi dica...puo' parlare con me". "Che palle...Voglio depositare 3 miliardi in questa stronza banca!". Il direttore indicando la signorina: "Ha problemi con 'sta puttana?".